OFFIDA DOCG

14 Marzo 2017 Off Di Frank@marchedascoprire
OFFIDA DOCG

Offida D.O.C.G.

Prende il nome dalla medesima cittadina, già conosciuta come DOC dal 2001, diventa DOCG nel 2011.
I vini della Offida DOCG vengono prodotti a partire dai vitigni Pecorino, Passerina, Montepulciano e provengono da vigneti ubicati nelle province di Ascoli Piceno e Fermo.

OFFIDA ROSSO DOCG: nasce da un blend di uvaggi tra Montepulciano e Cabernet Souvignon, dando origine ad un vino forte, che rimane inalterato nel tempo.
Alla vista ci si presenta con un colore rosso rubino, tendente al granato con l’invecchiamento.
Al naso risulta complesso, con sentori di frutta a bacca rossa, liquirizia, cioccolato; in bocca è secco, armonico.

OFFIDA PASSERINA DOCG: nasce principalmente da uve autoctone passerina, in una percentuale non inferiore all’85% o vinificato in purezza.
Lo possiamo trovare nella versione fermo, spumante o passito.
Nella tipologia fermo si apprezza tutto il suo patrimonio acidico; la versione spumantizzata ne esalta la freschezza; nel passito, tecniche di vinificazione e tempi di affinamento ne modificano le caratteristiche sensoriali, evidenziando i tratti di dolcezza e setosità.
Ci si presenta nel bicchiere con un bel colore giallo paglierino con riflessi dorati; al naso è gradevole, complesso, con sentori di frutti tropicali e fiori bianchi. In bocca è secco, armonico.

OFFIDA PECORINO DOCG: la riscoperta di questo vitigno autoctono è avvenuta solo recentemente e in passato non veniva vinificato in purezza.
Possiede un buon tenore zuccherino che ne eleva la gradazione alcolica, donandogli un buon corpo e uno spiccato tenore acidico.
Alla vista ci si mostra con un bel giallo paglierino con riflessi verdognoli; al naso distinguiamo sentori di frutta matura tropicale e fiori bianchi; in bocca è secco.
Le versioni bianche si accostano bene alle cucine di mare come antipasti, molluschi e crostacei.
Il Pecorino si abbina con un bel brodetto, sopratutto se supportato da un anno di affinamento.
L’Offida rosso richiede, invece, piatti strutturati e succulenti come carni stufate o alla brace e formaggi stagionati.
A voi….non rimane che l’imbarazzo di assaggiare!!!