La crescia marchigiana

2 Febbraio 2017 Off Di Frank@marchedascoprire
La crescia marchigiana

Tanti anni fa, quando ancora si faceva il pane in casa, era usanza fare anche la crescia, una pizza rotonda, fatta con lo stesso impasto.

La crescia era condita con olio, sale, cipolla e rosmarino, qualche volta anche un po di strutto.

Nel corso degli anni la ricetta ha subito delle piccole variazioni, ma questo dipende anche dalla zona in cui viene fatta.
Infatti ogni provincia del territorio ha le sue tradizioni, questo dovuto al fatto che, in tempi antichi le Marche hanno subito diverse influenze da parte delle popolazioni che l’anno abitata, e le tradizioni qui si sono saldamente instaurate, e sono state tramandate di generazione in generazione.

Ad oggi, la nostra crescia, sembra tornata in voga, ed in qualche caso è li a fare concorrenza alla piadina romagnola, che in linea di massima dovrebbe avere le stesse origini bizantine.
E’ difficile fare una vera e propria ricetta in quanto sarà la bravura di chi la prepara a saper dosare gli ingredienti.
Andiamo a scoprire la ricetta, Crescia per 8 persone:
200 ml. di latte, 100 ml. di olio di oliva, 100 ml. di acqua, 20 gr.di lievito di birra, sale e farina quanto basta per rendere l’impasto ben amalgamato. Versare la farina su un piano ed aggiungere il lievito dopo averlo sciolto in acqua e latte tiepidi, aggiungere l’olio, il sale ed impastare. Lasciare a lievitare coprendo la massa con un panno umido. A lievitazione avvenuta stendere la crescia e cuocere sul fuoco. Durante la cottura utilizzare un rametto di rosmarino intinto nell’olio per spennellare la crescia.